Consent Mode v2: Big G corre ai ripari, con un riguardo per i suoi utenti

Nonostante l’Europa sembri cedere il passo dell’innovazione tecnologia ai suoi principali concorrenti storici, rimane piuttosto all’avanguardia in termini di diritti, giustizia ed equità.

Il recente “Digital Markets Act” sembra aver agitato parecchio le acque calme del settore e dei suoi colossi, che finalmente vedono “minacciato” il loro predominio.

Google non poteva farsi trovare impreparata: ecco Consent Mode v2, la controffensiva di Menlo Park.

Consent Mode v2: a chi è rivolto questo strumento?

Marketers di tutto il mondo…riunitevi!

Consent Mode v2 è lo strumento pensato da Google per restare al passo con le recenti normative europee, e soprattutto aiutare in questo anche tutti quegli inserzionisti che basano la loro attività su G-Ads o Analytics.

Syroop Fluid Thinkers - Google Ads Transparency Center

Anche se è stato lanciato da qualche mese, l’obbligo di imporlo è scattato solo nel marzo di quest’anno (in concomitanza proprio col “digital market act”).

Questo non significa che chi non lo integra al più presto vedrà oscurarsi il sito, anzi; l’ente europeo ha prefissato sei mesi di tempo in cui tutti dovranno confarsi alle nuove normative, e parallelamente i grandi gatekeeper dovranno rendere conto dell’andamento delle loro piattaforme.

Consent Mode v2: Quali sono le principali differenza?

Per quanto gli strumenti forniti da Google fossero estremamente performanti già prima dell’aggiornamento, big G promette prestazioni ancora migliori, soprattutto sul fronte delle conversioni (ossia quelle azioni compiute dall’utente e ritenute significative per la tua attività).

La recente integrazione dell’IA poi apre alla possibilità di una lettura dei dati molto più accurata ma soprattutto più ordinata.

Ovviamente poi viene posta particolare attenzione sulla privacy degli utenti.

Il fulcro delle manovre europee infatti (oltre a quello di riaprire la partita per le aziende del vecchio continente) è proprio questo (visti soprattutto i problemi che da anni si stanno protraendo); pertanto l’accesso ai dati dell’utente sarà molto più regolamentato, ed anche in lettura sarà tutto più conforme alle autorizzazioni concesse dall’utente stesso.

Le conseguenze per Google della nuova strategia europea

Per quanto sicuramente il DMA abbia delle potenzialità veramente importanti (sia a favore della privacy, sia a favore dei player europei che di fatto si trovavano il mercato sbarrato dai colossi mondiali, o “gatekeeper”, come appunto si legge nel decreto) certo non può rappresentare uno scoglio insormontabile per un gigante come Google.

Di certo però è un segnale molto forte sulla necessità (sempre più importante) di attenzionare questo settore, troppo a lungo lasciato libero di crearsi le proprie regole.

Possiamo già dire però ad esempio che l’approccio di mamma Google ci sembra molto più etico rispetto a quello di Meta, che invece di offrire liberamente la possibilità di limitare il tracciamento dei proprio dati, ha pensato bene di proporre un abbonamento (anche piuttosto cospicuo) per rimuovere le pubblicità.

Fortunatamente però non dovremo aspettare troppo per scoprire il risultato delle diverse strategie messe in campo da questi player, e capire se veramente la mossa dell’Europa abbia cominciato a dare i suoi frutti.

Hai in mente un progetto per costruire la presenza online della tua azienda?

Contattaci e insieme daremo vita alle tue idee.

Le Google Web Stories sono una delle ultime novità del mondo digital.

Attrattive soprattutto per chi ha un business online o un blog, queste storie sono eccezionali per spostare il traffico al proprio sito web.

SEO e caratteristiche

Le Google Web Stories appaiono come animazioni di foto o immagini capaci di mostrare prodotti o servizi relativi al proprio business.

È possibile approfondire il contenuto cliccando sul link che rimanda direttamente alla pagina web del sito, oppure cliccare su una call to action.

Oltre a poter creare delle storie da zero è possibile anche importare dei template.

La scelta di immagini di qualità è utile a veicolare un contenuto di buona qualità e di impatto.

Syroop - Le Google web stories

E’ possibile adattare le foto allo sfondo, personalizzare i font, modificare i colori, animare testo e immagini con la funzione “Play”, inserire video e gif, ecc…

Una volta che la storia è pronta, può essere caricata sul vostro sito web e apparire sulle piattaforme Google, incluse le funzioni di ricerca e Google Discover.

La pagina di Google Search Central offre utili informazioni sulle accortezze da prendere prima di creare una storia sul proprio canale. 

SEO e caratteristiche

Le Google Web Stories si possono trovare nella ricerca di Google, su Google Discover e Immagini, sull’App Google.

È possibile creare una landing page in cui contenere tutti i link alle stories fatte, così da aumentare il posizionamento delle pagine nelle SERP.

Sul blog AMP è possibile trovare svariate informazioni sulle caratteristiche delle web stories.

E’ possibile adattare le foto allo sfondo, personalizzare i font, modificare i colori, animare testo e immagini con la funzione “Play”, inserire video e gif, ecc…

Una volta che la storia è pronta, può essere caricata sul vostro sito web e apparire sulle piattaforme Google, incluse le funzioni di ricerca e Google Discover.

La pagina di Google Search Central offre utili informazioni sulle accortezze da prendere prima di creare una storia sul proprio canale. 

I vantaggi delle Google Web Stories

Individuare il segmento di mercato potenzialmente interessato ai tuoi prodotti/servizi è una faccenda piuttosto complessa. Il primo passo è creare un identikit dettagliato delle buyer personas che includa le loro abitudini online, gli interessi, i valori e le opinioni.

Mission impossible? Certo che no. Ancora una volta la tecnologia ci viene incontro attraverso strumenti di analisi dei dati che sfruttano il potere dell’intelligenza artificiale e del machine learning.

google web stories - vantaggi

E’ possibile adattare le foto allo sfondo, personalizzare i font, modificare i colori, animare testo e immagini con la funzione “Play”, inserire video e gif, ecc…

Una volta che la storia è pronta, può essere caricata sul vostro sito web e apparire sulle piattaforme Google, incluse le funzioni di ricerca e Google Discover.

La pagina di Google Search Central offre utili informazioni sulle accortezze da prendere prima di creare una storia sul proprio canale. 

Hai in mente un progetto per costruire la presenza online della tua azienda?

Contattaci e insieme daremo vita alle tue idee.